Tag

, , , ,

20140402-001840.jpg

Sono capitata sul Blog di Lasagna Pazza seguendo l’MTC Challenge e il profumo di strudel che usciva dalla porta, adoro lo strudel, un dolce semplicissimo, fatto di sole mele e spezie, ovviamente mi sono messa immediatamente subito all’opera, per settimane ho sfornato strudel per poter acquisire manualità nella stesura della sfoglia, che deve diventare quasi trasparente, per poter ottenere uno strudl perfettamente arrotolato oltre che buono.

Praticamente mangiavamo solo strudel, e non paga di quello che trangugiavamo a casa lo portavo anche a spasso, a casa di parenti e amici, pur di avere l’opportunità di mettermi alla prova.

Lo so qualcuno di voi ora stà pensando che sono un pelino patologica ma che ci devo fare, quando mi fisso è così!

Quindi quando è arrivato il Contest del Molino Grassi è capitato proprio a FagiUolo…con questa bella farina di Farro e quei carciofi che troneggiano meglio di un mazzo di rose in cucina faccio uno strudel salato…e intanto continuo pure a far pratica!

Patate Carciofi e Porri è un mix invincibile secondo me e nello strudel…è la morte sua diciamocelo!

Provatelo, noi ne siamo rimasti entusiasti, può essere un antipasto se lo tagliate a fette o un piatto unico…insomma provate!

Per la Farcia:
2 Carciofi Romaneschi
3 Patate Medio Grandi
1 Porro
1 Bicchiere di Acqua
70 g di Pangrattato
Olio extravergine di oliva
Timo
Mentuccia
Sale e Pepe
Peperoncino (a vostro gusto)

Per la pasta Strudel (dal Blog Di Lasagna Pazza):
1/2 cucchiaino di Mentuccia
150 g di farina Einkorn qb di Molino Grassi
100 ml di acqua
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
1 pizzico di sale

Cominciate pulendo i Carciofi e tagliandoli a fettine sottili, mentre aspettate di cuocerli immergeteli in acqua e limone in modo che non si anneriscano.
Pulite anche le patate e tagliatele a listarelle molto sottili, conservatele in acqua fredda prima di cuocerle, in modo che perdano anche un po’ di amido.
In una padella mettete un filo di olio, tagliate il porro a rondelle e fatelo rosolare, aggiungete ora i carciofi e le patate, saltate per qualche minuto, salate e pepate, aggiungete l’acqua, coprite con il coperchio e lasciate cuocere fino a quando i carciofi saranno morbidi, poi lasciate raffreddare.

Preparate la pasta mentre aspettate che il tutto si raffreddi, per vedere tutti i passaggi e una spiegazione dettagliata su come lavorare questa pasta andate a vedere il Bellissimo Blog di Lasagna Pazza.

In una ciotola impastate la farina con l’acqua che avrete riscaldato, aggiungete il pizzico di sale, l’olio e la mentuccia fino ad ottenere in composto sodo, lasciatelo riposare coperto per circa 30 minuti.

Riprendete l’impasto, stendete un telo pulito (io ho utilizzato un telo di lino grezzo che uso solo per gli alimenti e non lavo con sapone ma lo lascio bollire per qualche minuto con un cucchiaino di bicarbonato), cospargetelo di abbondante farina e cominciate a stendere l’impasto, inizialmente con il matterello, poi aiutandovi con le nocche delle mani cominciate a tirarlo per formare un rettangolo, attenzione a non fare buchi, siate delicatissimi.

In un padellino scaldate in filo di olio e tostate il pangrattato, deve dorarsi, aggiungeteci poi la mentuccia il timo ed il peperoncino.

Cospargete il rettangolo di sfoglia con il pangrattato che avete preparato, aggiungete i carciofi e le patate e cercate di “spalmare” il ripieno su tutto il rettangolo di pasta, lasciate solo un paio di cm ai lati.

Aiutandovi con il telo di lino cominciate ad arrotolare la sfoglia, dopo un paio di giri ripiegate i lati laterali verso l’interno e continuate ad arrotolare fino alla fine.

Trasferite lo strudel (sempre facendolo rotolare con il telo) su una teglia (meglio se forata) con un pennello lucidate la superficie con olio d’oliva e spolverate con la mentuccia.

Cuocete in forno preriscaldato a 180 °C per circa 40/45 minuti, lasciate stiepidire e servite tiepido, non ne siamo rimasti conquistati!

20140402-001744.jpg

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi

contest molino grassi

Annunci